CCNL Turismo: cosa dice il contratto su lavori estivi e stagionali

News-Sito_Turismo–lavoro-stagionale

Siamo a Maggio e i litorali italiani si stanno già preparando all’imminente stagione estiva. I lidi balneari stanno iniziando a montare le cabine. Gli alberghi ed i ristoranti stanno ultimando gli ultimi ritocchi per rendere al meglio ai sei mesi di lavoro intenso.

Tra questi piccoli rifacimenti, la domanda per i lavori estivi inizia a crescere. Se c’è una cosa che non mancherà mai in Italia sono proprio i lavori stagionali con annesso contratto di lavoro subordinato, limitato alla sola stagione estiva o invernale, oppure rinnovabile in per periodi specifici in base alle esigenze dell’azienda.

Sono sempre di più i giovani e non che preferiscono lavorare con un contratto stagionale nel settore del turismo, alberghiero o dell’agricoltura. Da Rimini a Livorno, arrivando fino all’intero Sud Italia, i lavori estivi sono gli intramontabili, quelli dove la richiesta è sempre alta e dove lavorare significa anche stancarsi e divertirsi.

 

Quali sono i lavori stagionali più richiesti?

Potremmo fare una lista infinita per via delle tante possibilità, cercheremo di elencarne i maggiori. Dal cameriere di sala, alla reception di un albergo, aiuto cuoco, chef, commis di sala, personale di cucina, bagnino, barista su un lido, barista per un locale, pr in discoteca, risorse umana per un albergo a Rimini o Riccione (per esempio). Questi sono solo alcuni dei lavori stagionali più richiesti che verso marzo e aprile firmano il loro contratto stagione. Un contratto in piena regola, a tempo determinato, che può durare circa 6 mesi, con annessa disoccupazione.

Ed è proprio per questi tipi di contratti che molti italiani scelgono anche offerte di lavoro all’estero, dove lavorare sei mesi e avere i vantaggi della disoccupazione nel resto dell’arco di tempo. Ma il lavoro stagionale non è prettamente estivo ma anche invernale. Con l’arrivo della neve gli impianti sciistici sono pronti ad accogliere una notevole mole di turisti e visitatori che hanno bisogno di altrettanto personale per soggiornare al meglio.

 

CCNL Turismo, un contratto per gli operatori turistici

I lavori stagionali sono regolamentati dal CCNL turismo, ovvero, il “Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro nel settore del turismo”.

Il CCNL Turismo riguarda tutti gli operatori del settore turistico, alberghiero e ristorativo e fornisce indicazioni riguardo i rapporti di lavoro tra le aziende del settore ed i futuri dipendenti. Si avvalgono di questi tipi di contratti: gli alberghi, villaggi turistici, attività commerciali che lavorano per il turismo, lidi, imprese di viaggio, alberghi con impianto sciistico ecc.

Il CCNL Turismo non è uguale per ognuno di questi settori, ma varia a seconda delle possibilità e condizione offerte al futuro dipendente. Per conoscere al meglio le varianti e possibilità potete cliccare qui.

Etichette

ARTICOLI CORRELATI