Corsi ECM e deducibilità della spesa per la formazione

ecm-news

Formazione quasi a costo zero. Come? Attraverso la deducibilità della spesa! Il Senato ha, infatti, definitivamente approvato il testo del disegno di legge che si propone di introdurre misure per la tutela del lavoro autonomo, il provvedimento è attualmente in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

 

UN DISEGNO DI LEGGE CHE AGEVOLA L’ACQUISIZIONE DI CREDITI ECM

Fra le novità di maggior rilevanza per il professionista sanitario, introdotte nel 2016/1027, è la totale deducibilità delle spese per la formazione e aggiornamento professionale, un’ottima notizia per tutti i professionisti sanitari, obbligati ad acquisire crediti formativi ECM (Educazione Continua in Medicina).

Attualmente l’articolo 54 comma 5 del Testo unico delle imposte sui redditi di cui al D.P.R. 917/1986 consente la deduzione per le spese di partecipazione a “convegni, congressi e simili o a corsi di aggiornamento professionale”, incluse quelle di viaggio e soggiorno, in misura del 50% del loro ammontare.

 

COSA CAMBIA PER IL PERSONALE MEDICO-SANITARIO

La novità chiave della nuova disciplina è la formazione, infatti essa consentirà:

  • La totale deduzione, entro il limite di 10.000 € annui, delle spese per l’iscrizione a corsi di formazione, master e aggiornamento professionale. Sono deducibili al 75% le spese di vitto e alloggio ed al 50% i viaggi per la formazione, ma le spese non possono superare il 2% di tutti i compensi dichiarati nell’anno.
  • La totale deduzione, entro il limite di 5.000 €, delle “spese sostenute per i servizi personalizzati di certificazione delle competenze, orientamento, ricerca e sostegno all’auto-imprenditorialità” mirati a “sbocchi occupazionali effettivamente esistenti e appropriati in relazione alle condizioni del mercato del lavoro” ed erogati dai centri per l’impiego o dai soggetti accreditati a svolgere funzioni e compiti in materia di politiche attive per il lavoro;
  • La totale deduzione delle spese per assicurarsi contro il mancato pagamento delle prestazioni di lavoro autonomo.
  • Di equiparare i lavoratori autonomi alle piccole imprese per l’accesso ai fondi europei, nazionali e ragionali.

Un cambiamento fiscale non da poco che sicuramente rappresenterà un impulso per incentivare la formazione professionale soprattutto nell’ambito dei corsi ECM, obbligatori per legge.

Etichette

ARTICOLI CORRELATI