Corso ECM Terapia del paziente diabetico con malattia renale

News-Sito_diabetico

Il 25 maggio 2019 presso la Sala Convegno “Carcere Borbonico” di Avellino si terrà il Corso ECM “Un percorso condiviso nella terapia del paziente diabetico con malattia renale: dall’ESRD al trapianto di rene. L’evento, promosso da Formamentis, provider dei corsi ECM accreditato dal Ministero della Salute, si rivolge in particolare a diabetologi, endocrinologi, nefrologi, urologi, MMG, nutrizionisti, infermieri.

Obiettivi del Corso Terapia del paziente diabetico con malattia renale

La storia naturale della nefropatia diabetica è caratterizzata da un progressivo incremento dell’escrezione urinaria di albumina, che passando dallo stadio della microalbuminuria giunge fino alla proteinuria clinica, da un incremento dei valori pressori e da un declino progressivo del filtrato glomerulare (Glomerular Filtration Rate, GFR), che può esitare nell’insufficienza renale terminale (End Stage Renal Disease – ESRD). Nel diabete di tipo 1 la comparsa di microalbuminuria si evidenzia dopo circa 10 anni di malattia con una prevalenza del 50% circa dopo 30 anni.

Approssimativamente il 25% dei diabetici tipo 1 sviluppa proteinuria dopo 25 anni di malattia. In presenza di proteinuria il declino del GFR, in assenza di trattamento risulta di circa 12ml/min/anno.

L’associazione di iperglicemia ed ipertensione, molto frequente nel diabete di tipo 2, conduce ad una prevalenza di malattia renale cronica (Chronic Kidney Disease – CKD) in circa il 40% dei pazienti. Tale condizione clinica è spesso sottovalutata o non diagnosticata, poiché i pazienti con malattia renale in fase iniziale risultano asintomatici.

Tutti i dati della letteratura evidenziano con chiarezza l’importanza del buon controllo glicemico nel paziente diabetico con malattia renale cronica per la riduzione della progressione del danno renale. Le linee guida ADA/EASD confermano che una emoglobina glicosilata (HbA1c) inferiore al 7% (53 mmol/mol) è un prerequisito per la riduzione delle complicanze microvascolari. Ovviamente il target di HbA1c va personalizzato in funzione del rischio di ipoglicemia, delle complicanze cardiovascolari coesistenti, del grado di Insufficienza renale Cronica (IRC) e dalla presenza di eventuali altre comorbidità. Tutti gli studi, sia nel diabete di tipo I (DCCT e EDIC) che nel diabete di tipo 2 (ACCORD; ADVANCE e VADT), hanno dimostrato in maniera inequivocabile che un controllo glicemico ottimale non solo è in grado di prevenire la comparsa della micro e macroalbuminuria ma anche di ridurre il progressivo deterioramento della funzione renale.

La disponibilità di nuove classi di farmaci (inibitori DPP-4, analoghi del GLP-1, SGLT-2, analoghi rapidi, ultrarapidi e basali dell’insulina) e di moderne tecnologie utilizzate in ambito diabetologico (sistemi di monitoraggio in continuo della glicemia, microinfusori di insulina e sistema integrato, calcolatori di boli e “pancreas artificiale”) forniscono ormai una opportunità terapeutica irrinunciabile anche per questa tipologia di pazienti, per un migliore controllo della HbA1c, una riduzione degli eventi ipoglicemici ed una conseguente riduzione della variabilità glicemica.

Alla luce delle considerazioni di cui sopra, si comprende l’importanza di una giornata di confronto tra Nutrizionisti, MMG, Diabetologi, Endocrinologi, Nefrologi e Chirurghi per condividere le migliori opportunità terapeutiche disponibili anche per pazienti diabetici affetti da concomitante nefropatia, nei differenti stadi della malattia, dalla prevenzione fino al trapianto di rene.

Obiettivo formativo: Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle procedure dell’evidence based practice (ebm – ebn – ebp):

  • Acquisizione di competenze tecnico-professionali: Acquisizione di competenze tecniche dall’ESRD al trapianto di rene;
  • Acquisizione di competenze di processo: Acquisizione di competenze in materia di problematiche di gestione del paziente diabetico;
  • Acquisizione di competenze di sistema: condividere le migliori opportunità terapeutiche.

Programma Del Corso

Il corso, della durata di 6 ore, si svolgerà secondo il seguente programma:

8.30 Accoglienza e registrazione dei partecipanti.

8.45 Apertura dei lavori: Clemente – Cucciniello

Saluto autorità: V. De Luca – F. Sellitto – A. Percopo – M. Morgante – R. D’Amelio.

I sessione

Moderatori: G. Romano – A. Botta

9.00 Relazione: “Diabete e Nefropatia: meccanismi patogenetici” (R. Napoli)

9.30 Relazione: “Ruolo della terapia nutrizionale del paziente nefropatico con diabete”

(M. Giorgini)

10.00 Relazione: “Terapia conservativa del paziente nefropatico con diabete” (G. Conte)

10.30 Discussione

11.00 coffee break

II sessione

Moderatori: A. Foglia – V. Guaradasole

11.15 Relazione: “Schemi terapeutici ipoglicemizzanti del paziente diabetico nefropatico: quali e quando”! (M. Masulli)

11.45 Relazione: “Nuove opportunità del CGM, la nuova frontiera della microinfusione: G – 670, l’importanza del time in range. (G. Memoli)

12,15 Ruolo del compenso glicometabolico nell’insorgenza della Neuropatia diabetica (C. Lambiase)

12.45 Discussione

13.00 Pranzo

III sessione

Moderatori: G. Clemente – U. Maggio

13.45 Relazione: “La vasculopatia periferica nel paziente diabetico nefropatico” (M. Mancini)

14.15 Relazione: “La disfunzione erettile nel paziente diabetico con nefropatia (A. Brando)

14.45 Relazione: “Trapianti di pancreas e isole: indicazioni e risultati”. (P. De Rosa)

15.15 Discussione

15.45 Verifica e questionari ECM

16.15 Conclusioni e considerazioni finali (Clemente – Cucciniello)

16.30 Chiusura dei lavori.

Responsabile Scientifico

Il Responsabile Scientifico del corso è il Dott. Gennaro Clemente. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con Specializzazione in Malattie del Fegato e del Ricambio presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Dal 2012 è Professore a contratto di Fisiologia della Nutrizione nel Corso di Laurea Magistrale in Nutrizione Umana della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università “Federico II” di Napoli. Dal 2013 è Coordinatore Nazionale del Gruppo Diabete e Oncologia dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD).

Valutazione Finale

La valutazione finale verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento basata su quesiti a scelta multipla. Il corso viene considerato “superato” una volta visionati tutti i moduli, completata la scheda di valutazione e la scheda di verifica con una percentuale di superamento almeno del 75%.

Per ulteriori informazioni contattare la Segreteria Ecm all’indirizzo mail segreteriaecm@formamentisweb.it.

Etichette

ARTICOLI CORRELATI