DSA: cosa sono, come riconoscerli e come comportarsi

News-Sito_disturbi_apprendimento

Nella pratica di lavoro dedicata al supporto didattico individualizzato per bambini e ragazzi con DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento), la prima cosa che l’esperienza ci insegna è che ognuno è diverso e tutti hanno qualcosa in comune.

Prima di scoprire, attraverso un percorso diagnostico che il bambino, oppure il ragazzo, ha un disturbo dell’apprendimento, spesso gli insegnanti ed i genitori fanno esperienza di grandi difficoltà: l’alunno sembra distratto, pigro, disorientato di fronte alle richieste scolastiche, studia con molta fatica (o, a volte, addirittura smette di studiare). Questa è una situazione che desta molti punti interrogativi e genera una certa rabbia nell’adulto e un profondo disagio nell’alunno. Ovviamente non necessariamente questi sintomi sono sinonimo di DSA ma possono rappresentare degli importanti campanelli d’allarme.

Come comportarsi con bambini e ragazzi con DSA

Il primo aiuto che il pedagogista può fornire a insegnanti e genitori sono dei suggerimenti di carattere pratico per la gestione della quotidianità scolastica. Questi alunni, infatti, hanno necessità di organizzare tempi, luoghi, materiali e contenuti della loro esperienza scolastica come della loro vita extrascolastica. Hanno vivo piacere nel capire i contenuti di apprendimento e poco interesse per la memorizzazione, hanno bisogno di condurre esperienze di apprendimento che non contemplino l’uso esclusivo del linguaggio scritto o orale. Hanno bisogno che l’adulto li accompagni nella scoperta dei loro processi di apprendimento, che sono spesso particolari e diversi da quelli di molti compagni, i quali memorizzano più velocemente, sono più precisi, scrivono e leggono senza problemi, sanno le tabelline e fanno i conti a mente. Il paragone con i compagni è sempre in agguato e tende continue trappole.

I bambini ed i ragazzi con disturbo dell’apprendimento possono, con il tempo, raggiungere l’obiettivo di apprendere comunque ciò che la scuola propone, grazie anche ad insegnanti attenti e sensibili che, oltre all’utilizzo degli strumenti compensativi, fanno proprie le metodologie della didattica metacognitiva, con passione e vivo interesse per la crescita dei loro studenti.

Quali sono i Disturbi Specifici dell’Apprendimento

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento sono disturbi che coinvolgono un particolare dominio di abilità, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. Interessano, infatti, le competenze strumentali degli apprendimenti scolastici. Le condizioni cliniche sulla base del deficit funzionale vengono così suddivise:

  • dislessia: disturbo nella lettura (intesa come abilità di decodifica del testo);
  • disortografia: disturbo nella scrittura (intesa come abilità di codifica fonografica e competenza ortografica);
  • disgrafia: disturbo nella grafia (intesa come abilità grafo-motoria);
  • discalculia: disturbo nelle abilità di numero e di calcolo (intese come capacità di comprendere e operare con i numeri).

Negli ultimi trent’anni, grazie ai numerosi contributi della ricerca scientifica e all’affinamento delle tecniche di indagine diagnostica, si sono realizzati importanti avanzamenti sulla conoscenza dei DSA. Questo ha consentito di condividere la definizione e la classificazione dei DSA anche tra professionisti di diversa formazione (es. psicologi, neuropsichiatri, logopedisti, pedagogisti), di effettuare una diagnosi in modo accurato, di realizzare trattamenti mirati, nonché di poter disporre di psicologi ed altri operatori che operano nel campo con competenze specifiche.

Il Corso ECM di Formamentis sui DSA

Il nostro ente di formazione propone il corso online “Disturbi Specifici dell’Apprendimento”. Il corso fornisce linee guida, pratiche operative ed esercitazioni per il corretto trattamento del disturbo.

Il percorso formativo è dedicato a tutti gli esperti del settore e ai professionisti del settore sanitario. Al termine del corso, saranno rilasciati i crediti ECM obbligatori per i lavoratori del comparto medico.

Per maggiori informazioni sul corso e sulle professioni sanitarie beneficiarie dei crediti ECM, scrivici a ecm@formamentisweb.it e visita la nostra piattaforma FAD www.elearning.formamentisweb.it.

Etichette

ARTICOLI CORRELATI