Fondi paritetici: quali sono e come funzionano

fondi paritetici

Fondi Paritetici, meglio noti come fondi interprofessionali, nascono dall’esigenza di creare strumenti efficaci per le aziende che vogliono puntare sulla formazione continua dei propri dipendenti.

Creati dalla legge 388/2000, i Fondi Paritetici Interprofessionali consentono la formazione finanziata dei dipendenti delle aziende, le quali possono scegliere di destinare una quota pari allo 0,30% dei contributi previdenziali versati all’INPS per il finanziamento di iniziative pubbliche di formazione e aggiornamento dei lavoratori alle quali far accedere i propri dipendenti. Ne esistono di diverse tipologie, a seconda del settore di competenza.

L’adesione al fondo farà guadagnare all’azienda l’accesso alle attività formative per i dipendenti, accesso che viene rimodulato tramite avvisi e bandi pubblici che stabiliscono le singole modalità di iscrizione.

 

DIVERSE TIPOLOGIE DI FONDI INTERPROFESSIONALI PARITETICI

I Fondi Paritetici Interprofessionali attivi sono attualmente 21. Fra i più importanti troviamo:

  • Fondimpresa (Fondo per lavoratori delle imprese industriali);
  • Fondirigenti (Fondo per i dirigenti industriali);
  • Fondo For.te. (Fondo per i lavoratori del commercio, del turismo, dei servizi, del credito, delle assicurazioni e dei trasporti);
  • Fondir (Fondo dirigenti del terziario);
  • Fonarcom (Fondo per i lavoratori dei settori del terziario, artigianato, delle PMI);
  • Fondo Formazione Pmi Fapi (Fondo per i lavoratori delle PMI imprese industriali);
  • Fondo Artigianato Formazione (Fondo per lavoratori delle imprese artigiane);
  • Fonder (Fondo per enti ecclesiastici, associazioni e fondazioni, coop., imprese con o senza scopo di lucro, aziende di ispirazione religiosa);
  • For.Agri (Fondo di settore per la formazione professionale continua in agricoltura);
  • Fondazienda (Fondo per quadri e dipendenti dei comparti commercio-turismo-servizi, artigianato e PMI);
  • Fondo formazione servizi pubblici (Fondo per la formazione continua nei servizi pubblici);
  • Fo.In.Coop.;
  • Fondo Conoscenza.

Vediamo nel dettaglio alcuni di questi fondi, in particolare 4 Fondi meno noti rispetto ai più conosciuti Fondimpresa e Fonarcom che hanno come beneficiari le imprese e i dipendenti del Terzo Settore.

 

FONDIR

Fondir è il Fondo dirigenti del settore Terziario. Nasce con l’obiettivo di finanziare e promuovere progetti di formazione per i dirigenti delle imprese del settore terziario. Questo specifico fondo mette a disposizione delle aziende aderenti una serie di iniziative di formazione, organizzate da strutture di primaria importanza selezionate a seguito di un avviso. Inoltre, oltre agli avvisi, Fondir mette a disposizione un altro strumento per poter partecipare ad iniziative di formazione: i vaucher. Questi ultimi sono a disposizione di più di un dirigente e possono essere richiesti durante tutto l’anno.

 

FO.IN.COOP

Per Fo.In.Coop. intendiamo il Fondo che si occupa della Formazione Continua nei Settori Economici della Cooperazione. Il fondo è stato costituito a seguito dell’accordo nazionale firmato da UNCI e CONF.S.A.L. Grazie a questa collaborazione, anche il settore della cooperazione dispone di un fondo paritetico per finanziare i piani formativi aziendali, settoriali, territoriali e individuali, presentati dalle aziende aderenti.

 

FONDARTIGIANATO

Il suo obiettivo è quello dei lavoratori delle imprese artigianali. Il Fondo Artigianato Formazione – in breve Fondartigianato – è il Fondo Interprofessionale per la Formazione Continua previsto dalla legge 388/2000, con la quale si delega ad Enti di natura privatistica, costituiti dalle parti sociali, la gestione dei contributi versati dalle aziende per la formazione e l’aggiornamento dei propri dipendenti. Il Fondartigianato è un’associazione costituita da Confartigianato, Cna, Casartigiani, Claai, Cgil, Cisl e Uil. Questa tipologia di Fondo, nasce dall’esigenza di sostenere e diffondere la cultura della formazione continua, valorizzando le risorse umane, per promuovere in modo adeguato ed efficace i piani formativi per l’azienda, il territorio e il settore stesso.

 

FONDO CONOSCENZA

Il Fondo Conoscenza fa parte del Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua promosso da FENAPI e CIU. Il Fondo promuove e finanzia piani formativi finalizzati all’acquisizione e allo sviluppo delle competenze professionali dei lavoratori. Fondo Conoscenza è nato grazie all’accordo Interconfederale del 2 agosto 2011. Per creare un concreto dialogo tra le Parti Sociali. Inoltre, mette a disposizione diverse risorse per il finanziamento di pianti formativi che puntano ad aggiornare, qualificare e adeguare le competenze dei lavoratori dipendenti delle aziende aderenti.

Etichette

ARTICOLI CORRELATI