Fondoprofessioni Avviso 1/2017: graduatorie prima scadenza

news_fondoprofessioni

Fondoprofessioni è il Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua negli studi professionali e nelle aziende collegate, istituito a seguito dell’accordo interconfederale del 7 novembre 2003, tra Confprofessioni, Confedertecnica, Cipa e Cgil, Cisl, Uil e riconosciuto dal Ministero del Lavoro con decreto del 29 dicembre 2003.

Sono state pubblicate le graduatorie relative alla prima scadenza dell’Avviso 1/2017 di Fondoprofessioni che prevede due finestre diverse. Per ogni finestra, sono stati due i progetti scelti e presi in considerazione. Ricordiamo che il Fondo Interprofessionale Fondoprofessioni intende promuovere la partecipazione a Piani formativi concordati tra le Parti Sociali in favore dei singoli studi professionali e aziende che hanno aderito al Fondo per la formazione finanziata.

Lo stanziamento complessivo previsto dall’Avviso Fondoprofessioni 1/2017 è di € 800.000,00. Il contributo per ogni singolo Piano formativo non può superare l’importo di € 20.000,00. Il parametro massimo di contributo erogato per un’ora di formazione per lavoratore (costo ora/allievo) è fissato a € 20,00.

 

GRADUATORIE PRIMA FINESTRA

L’azienda Centro Antidiabetico Campano intende sostenere il lifelong learning continuo attraverso la concezione che l’apprendimento rappresenta la volontà di ogni singolo ad impegnarsi per aumentare i livelli delle proprie competenze e della propria professionalità.

 

PRIMO PIANO FORMATIVO: CENTRO ANTIDIABETICO CAMPANO

L’azienda focalizza le proprie energie verso l’ottimizzazione del servizio sanitario offerto all’utenza, con l’obiettivo di:

  • Promuovere, sostenere e diffondere la cultura della Formazione Continua;
  • Migliorare le competenze professionali dei propri collaboratori per intensificare la qualità del servizio offerto;
  • Diffondere la partecipazione ai percorsi di formazione per cogliere le opportunità offerte dal Fondo per lo sviluppo aziendale;
  • Promuovere la formazione come strumento per valorizzare il capitale umano attraverso percorsi professionalizzanti.

Il Centro Antidiabetico Campano ha l’obiettivo di migliorare le prestazioni professionali del proprio personale interno con la volontà di intensificare le attività di formazione continua costituendo una delle leve strategiche più adeguate per favorire e supportare il miglioramento dell’assistenza sanitaria ai cittadini. L’obiettivo generale del Centro antidiabetico è rispondere alla necessità di sviluppare e aggiornare le competenze professionali specialistiche e la conoscenza dei processi operativi per favorire il processo di formazione continua in medicina (ECM), riprendendo e realizzando quanto citato nell’Accordo Stato Regioni:

Riordino del Sistema della Formazione Continua: la formazione continua è uno strumento importante di cambiamento dei comportamenti individuali e collettivi, necessario per promuovere lo sviluppo professionale, ma è anche una funzione specifica del sistema sanitario, indispensabile a garantire nel tempo la qualità e l’innovazione dei suoi servizi.

Nello specifico, il piano è strutturato in tre percorsi formativi per il raggiungimento del macro-obiettivo, nel dettaglio i progetti sono così articolati:

  • Fornire un quadro di riferimento sull’evoluzione in atto nelle normative relative ai sistemi di gestione, focalizzando l’attenzione sulle novità della ISO 9001:2015
  • Fornire conoscenze, competenze e metodologie sui nuovi requisiti della nuova norma ISO 9001:2015
  • Focalizzare l’attenzione su una delle maggiori novità introdotte dalla ISO 9001: il Risk Based Thinking
  • Fornire le principali informazioni utili per avviare un Piano di Implementazione dei requisiti della ISO 9001:2015.

SECONDO PIANO FORMATIVO: CENTRO DISABILI BARTOLI

Il Centro Disabili Bartoli è oggetto di una profonda riorganizzazione volta a garantire e preservare il carattere universale del Servizio Sanitario ed i livelli essenziali di salute.

Gli obiettivi del Piano nascono dalla visione strategica che l’azienda intende attuare e perseguire in un’ottica di miglioramento delle pratiche sanitarie. Il piano “CARE” promuove azioni volte al raggiungimento del macro obiettivo di migliorare la qualità delle cure del paziente affetto da patologie legate alla disfunzione renale e favorire percorsi di crescita professionale e ri-definizione delle procedure gestionali interne in un’ottica di riorganizzazione dell’assetto aziendale. Il piano contribuisce all’ottimizzazione della qualità del servizio del reparto di nefrologia attraverso l’aggiornamento delle competenze tecnico-professionali per attualizzarle alle continue evoluzioni del settore medico-sanitario.

Gli obiettivi specifici del Piano “CARE” sono:

  • Rispondere adeguatamente ai cambiamenti intervenuti nel settore sanitario sempre più vasto, complesso e competitivo. La progressiva riduzione delle risorse economiche disponibili, i progressi nel campo delle tecnologie biomediche, i cambiamenti sociodemografici ed il sempre maggior Empowerment da parte dei cittadini di nuove esigenze e diritti, impongono un nuovo modo di gestire e valutare la qualità dell’assistenza sanitaria e la tutela del paziente, focalizzando l’attenzione sul Risk Based Thinking per avviare un Piano di Implementazione dei requisiti della ISO 9001:2015 all’interno del centro e assicurare un più alto standard di tutela del paziente;
  • Aggiornare e migliorare la gestione del Consenso Informato relativamente alle attività diagnostiche e/o terapeutiche espletate dal Centro Dialisi Bartoli per promuovere la valorizzazione degli aspetti comunicativi informativi del processo clinico, una maggiore tutela giuridica del Paziente e applicare la Buona Pratica Clinica. Il consenso informato rappresenta un momento cruciale e delicato dell’evento comunicativo,  indispensabile, come evidenziato dal Consiglio Nazionale di Bioetica, al fine di rendere legittimo l’atto sanitario che  altrimenti sarebbe lesivo nei confronti del Paziente;
  • Potenziare la qualità del servizio terapeutico offerto attraverso gli strumenti e i metodi della EBP -ricerca delle informazioni scientifiche, loro valutazione critica e integrazione – nelle decisioni clinico-assistenziali per raccordare le particolari evidenze patologiche all’analisi del caso clinico-assistenziale valorizzando così l’individualità del paziente e concepire un innovativo approccio diagnostico per il centro.

 

GRADUATORIE SECONDA FINESTRA

PRIMO PIANO FORMATIVO: STUDIO COMMERCIALE BARRECA

E’ lo Studio commerciale di Barreca Giuseppe, con il piano “Focus”. Il piano prende forma dalla volontà della dirigenza aziendale di qualificare un servizio integrato professionale e ridefinire le strategie competitive dello studio, soggetto alle frequenti flessioni del mercato attestate non soltanto dalla stessa dirigenza, ma dall’analisi swot condotta sulle peculiarità del contesto di riferimento.

L’analisi ha portato alla luce le esigenze e i fabbisogni formativi dello studio commerciale Barreca Giuseppe con l’obiettivo di:

  • Migliorare la competitività dello studio per far fronte alle esigenze di qualificare il servizio offerto secondo uno standard qualitativo altamente integrato;
  • Favorire percorsi di crescita professionale e sviluppo di capacità, abilità e competenze in grado di valorizzare il capitale umano attraverso percorsi professionalizzanti.

Gli obiettivi generali del piano confluiscono in una strategia competitiva basata esclusivamente sulla professionalità tecnica specialistica del settore consulenziale, nello specifico per la gestione di un servizio integrato ed esaustivo, partendo dalla convinzione che la differenziazione dei servizi commerciali e consulenziali possa nettamente concretizzare un “cambio di rotta” per lo studio, troppo focalizzato su una customer care limitata a clienti già fidelizzati.

La struttura del piano prevede 4 progetti formativi per 6 risorse così caratterizzate: N. 3 addetti alla contabilità, 2 impiegati amministrativi-contabili e 1 consulente del lavoro.

Il piano realizza un percorso di crescita professionale mediante 4 progetti formativi seguitamente descritti:

  • La GESTIONE D’IMPRESA, percorso formativo con l’obiettivo di apprendere il sistema aziendale delle grandi imprese mediante l’acquisizione di abilità e conoscenze amministrative e contabili specialistiche per il settore e con l’intento di formare professionisti in grado di gestire autonomamente la contabilità generale per le aziende clienti in tempi celeri;
  • IL BILANCIO D’ESERCIZIO PER GRANDI AZIENDE con l’obiettivo di implementare le competenze tecnico-specialistiche per la gestione del conto economico e lo stato patrimoniale di un’azienda di grandi dimensioni, attraverso analisi e fattibilità tecniche ed economico-finanziarie d’esercizio;
  • IL DIRITTO SOCIETARIO con l’obiettivo di potenziare le competenze tecniche specialistiche per la gestione, la regolamentazione e lo scioglimento di strutture societarie, formate dall’unione di più soggetti, con la messa in comune di un patrimonio;
  • Il DIRITTO DEL LAVORO per far acquisire le nozioni di base e i principi fondamentali dell’ordinamento sulla disciplina dei rapporti individuali di collaborazione lavorativa. Il percorso formativo affronta, pertanto, il sistema delle fonti del diritto del lavoro, con particolare riguardo al rilievo che ha il lavoro nella fonte costituzionale e alla fonte peculiare costituita dal contratto collettivo. Nel progetto sono previste 2 ore dedicate ad approfondimenti relativi a temi contrattuali, organismi di sistema e alle pari opportunità riservate alle Parti sociali per promuovere una reale concertazione tra il mondo aziendale e le rappresentanze di categoria.

 

SECONDO PIANO FORMATIVO: FAMASAR S.R.L.

Sulla scorta dell’analisi dei fabbisogni raccolta, il Piano formativo “INCREASE”, della FAMASAR S.R.L. è stato implementato per rispondere all’esigenza di accrescere e potenziare il fattore competitivo miscelando tecnologia ed innovazione, così da poter rispondere alle continue evoluzioni di mercato. Gli obiettivi principali che l’azienda intende raggiungere sono dunque i seguenti:

  • Digitalizzazione del commercio aziendale. L’azienda intende distaccarsi dai tradizionali modelli aziendali per adottare un nuovo Business basato sulla tecnologie e sul digitale, con lo scopo di migliorare ed ottimizzare le procedure di vendita;
  • Snellimento delle pratiche amministrative. Famasar vuole introdurre procedure e tecniche finalizzate ad abbattere gli sprechi e gli ostacoli così da eliminare quanto più possibile gli errori umani e le fonti di rallentamento dei procedimenti, ottimizzare le modalità e le tempistiche, la qualità degli output e il grado di soddisfazione del cliente;
  • Apertura verso i mercati esteri. L’azienda intende accrescere le capacità professionali rispetto all’intensificazione di rapporti con mercati internazionali, così da poter accrescere la propria competitività, potenziare l’offerta e rispondere ai repentini cambiamenti del mercato secondo una linea di azione basata sulla flessibilità e sulla dinamicità.

ARTICOLI CORRELATI