Salute e la sicurezza sul lavoro: il 28 Aprile è la Giornata Mondiale

News-Sito_Giornata-mondiale-sicurezza-sul-lavoro

Sabato, 28 aprile, si celebra la Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro. Il tema del 2018 è la sicurezza nel settore dell’industria chimica, soprattutto, in merito al pericolo e alla responsabilità di chi utilizza prodotti potenzialmente pericolosi, tossici o contaminanti.

Negli anni,  Formamentis si è interessata al tema della salute e della sicurezza sul lavoro, realizzando anche corsi ad hoc per salvaguardare tutti i lavoratori che, per un motivo o per un altro, si trovano a lavorare in settori a rischio o usuranti. Infatti, è fondamentale per le aziende dedicare una parte delle attività alla formazione con corsi di sicurezza sul lavoro e individuare una serie di misure preventive che, incidendo sul comportamento del lavoratore, lo rendano consapevole dei rischi e capace di evitare un infortunio sul lavoro.

Salute e sicurezza sul lavoro nell’industria chimica

Per il 2018 l’Organizzazione Internazionale sul Lavoro ha deciso di dedicare la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro al rischio chimico nell’utilizzo di tali prodotti che, ad oggi, risultano fondamentali nelle imprese o aziende.

Sono diversi i settori dove i lavoratori sono a rischio chimico. Alcuni esempi possono essere: industrie che non può lavorare senza tali prodotti, come quelle che producono pesticidi, farmaci, prodotti di ordinaria pulizia. Il problema più grande, quello su cui è importante riflettere, è controllare l’esposizione a tali sostanze per i lavoratori e per la loro emissione nell’ambiente.

Rischio chimico: valutazione e prevenzione

Di fondamentale importante è fare una giusta valutazione del rischio chimico, perché possono da un lato rendersi necessari per il commercio, dall’altro lato creare, con il passare del tempo, effetti negativi che potrebbero essere devastanti per l’ambiente e per il corpo umano. Infatti, i rischi chimici provenienti da una continua esposizione, sono certificati:

  • la possibilità maggiore di sviluppare un cancro;
  • la contaminazione diffusa dell’ambiente;
  • a tossicità nell’aria e nelle acque.

Numerosi incendi, esplosioni e altri disastri sono causati da una mancanza di controllo dei rischi fisici delle sostanze chimiche.

Oltre ai vari simboli di rischio chimico, l’Organizzazione Internazionale, come ogni anno, ha chiesto maggiore controllo e sicurezza, a tutte quello organizzazioni che dovrebbero controllare e applicare politiche nuove e strategie nazionali. La richiesta viene fatta anche ai datori di lavoro, al fine di limitare il dipendente all’esposizione e di rispettare le regole e le norme vigenti in materia di scarico e utilizzo di tali sostanze, ottenendo apposite certificazioni ambientali.

ARTICOLI CORRELATI