Rubrica Lavoro: il Tubista

news_sito_passato

Sesto appuntamento con la Rubrica dedicata al mercato del lavoro in Italiaa cura di Fmts Agenzia Per il Lavoro – APL di Formamentis Group. Dopo aver analizzato il profilo dello Start Up Manager, in questa puntata esamineremo la figura professionale del Tubista che rientra nella categoria C (profilo dal passato). Una declinazione particolare del carpentiere in metallo, che ingloba anche interessanti competenze tecniche orizzontali.

Come Nasce La Figura Del Tubista industriale

L’operaio di carpenteria metallica, sia all’intero di un cantiere edile che di un comparto industriale di estrazione metalmeccanica, è da sempre considerato un profilo altamente specializzato, e di non facile reperimento. Dal secondo dopoguerra, infatti, la produzione metallica ha spinto sempre più verso la specializzazione di alcuni profili su degli output ben definiti, quali ad esempio i tubi.

Alle competenze riguardanti la realizzazione di strutture metalliche sulla base della documentazione tecnica fornita, attraverso metodi di lavorazione specifici, il tubista industriale ha aggiunto nel tempo elevate competenze specifiche riguardanti non solo taglio e deformazione, ma anche saldatura e assemblaggio.

Diversi sono i campi di applicazione delle competenze dell’operaio tubista: non solo aziende metalmeccaniche ed edili, ma anche attività imprenditoriali di termo-idraulica oggi richiedono sempre più questa figura, grazie anche alle diverse gare di appalto, o subappalto, su cui lavorano, spesso anche a distanza (trasferte di lavoro).

Chi È E Cosa Fa un Tubista specializzato

La risorsa, inserita all’interno dell’area produzione (azienda metalmeccanica, edile, termo-idraulica, ecc.) si occuperà della realizzazione di strutture metalliche sulla base della documentazione tecnica fornita, attraverso metodi di lavorazione specifici e utilizzando i macchinari, le attrezzature e gli utensili più idonei.

Il tubista specializzato, si occuperà nello specifico delle attività di taglio, deformazione, saldatura e rifinitura, prima di dedicarsi all’assemblaggio. Coordinato dal suo diretto superiore (Capo reparto), interagirà con gli altri operai specializzati al fine di raggiungere gli obiettivi qualitativi e quantitativi dettati dalla tabella di produzione.

Hard & Soft Skills Dell’operaio Tubista

Il set di Hard Skills è particolarmente articolato, ed è proprio della carpenteria metallica con qualche input di saldatura:

  • nozioni di disegno meccanico;
  • competenze tecniche nel tipo di saldatura richiesta;
  • capacità di assemblaggio e montaggio funzionale di macchinari ed attrezzature;
  • conoscenza dei materiali metallici.

Il set di Soft Skills è fortemente inclinato verso il tecnicismo operativo, anche se una certa predisposizione alla “collaborazione” non può che agevolare il raggiungimento degli obiettivi di produzione:

  • precisione ed esattezza;
  • capacità organizzative e time management;
  • team working;
  • stress management;
  • problem solving.

Background Formativo E Professionale

Il background formativo non gioca un ruolo fondamentale, anche se un indirizzo tecnico in termini di scuola secondaria superiore potrebbe rappresentare un requisito preferenziale, magari impreziosito da un corso post-scolastico di specializzazione:

  • Diploma Tecnico (meccanico o elettrotecnico);
  • Corso di formazione professionalizzante.

Per quanto riguarda le precedenti esperienze lavorative, è sicuramente necessario l’aver maturato anni di esperienza certificati, presso aziende analoghe (metalmeccaniche, termo-idrauliche o edili). Profili con poca esperienza, o alle prime armi, potranno essere inseriti in percorsi di formazione/lavoro (apprendistato professionalizzante).

Nell’ultimo decennio sempre più aziende hanno deciso di puntare su una formazione in casa, on the job, facendo affiancare ai profili di maggiore seniority le nuove leve da formare sul campo e in base alle esigenze dell’azienda stessa.

Quanto Guadagna Il Tubista

La richiesta costante e la poca risposta del mercato ha fatto lievitare e non poco le retribuzioni messe a disposizione dalle aziende, spesso amplificate (nel caso delle edili o termo-idrauliche) da interessanti maggiorazioni di trasferta per commesse extraterritoriali.

La RAL di base parte dai 22K (1350/1400), fino ad arrivare anche a 30K (1.800/2.000 netti al mese) con premi trasferta inclusi.

Dati Attuali e Previsioni sul mercato

Nel 2018 sono state quasi 200 le richieste di tubista non andate a buon fine, o per mancanza di profili qualificati o per rifiuto delle offerte di lavoro, a causa delle trasferte. Dunque quasi il 50% delle richieste di lavoro non ha trovato risposta soddisfacente, provocando un gap che ritroveremo anche nel 2019, con una possibilità di aumento del 10% almeno.

Come per molti profili del settore metalmeccanico, anche nel caso del tubista molte offerte di lavoro sono in somministrazione, con una durata media della missione di 6 mesi.


 

Vuoi approfondire le tue conoscenze su altre figure professionali?

Segui la Rubrica Lavoro per rimanere aggiornato.