Lavorare nel turismo: un settore trainante per il Mezzogiorno

News-Sito_turismo

Senza dubbio, il turismo rappresenta uno dei settori trainanti per l’economia del nostro Bel Paese e, in particolare, per quella del Mezzogiorno. Il clima invidiabile, i luoghi incantevoli, la cucina rinomata in tutto il mondo e un patrimonio culturale inestimabile, rendono l’Italia meta sempre più gradita dai turisti di tutto il mondo. Ovviamente, per far fronte ai flussi turistici, è sempre maggiore la richiesta di personale qualificato, soprattutto nella stagione estiva.

Il turismo nel Mezzogiorno

Il Sud, in particolare d’estate, si anima di turisti e la Campania, nel triennio 2016-2018 è risultata essere la prima regione del Mezzogiorno per flussi turistici, con un tasso medio annuo di crescita degli arrivi pari al 5,17%, (a fronte di quello nazionale che si è attestato sul 3,1%). Nel 2018 gli arrivi e le presenze sono aumentati rispettivamente del 7,7% e del 3,3%. Dati che emergono dal XXII Rapporto sul Turismo Italiano (curato dal Cnr-Iriss), nel quale si evidenzia che la Campania ha fatto registrare un incremento annuo dei posti letto pari al 16%, equamente distribuito tra strutture alberghiere ed extralberghiere.

È bene chiarire, però, che il Mezzogiorno non si anima solo d’estate, basti pensare che Bari, per il secondo anno consecutivo, si è confermata meta preferita dove trascorrere il Capodanno, con un’occupazione di alberghi e bed&breakfast di circa il 91%. Il capoluogo pugliese ha sorpassato, così, persino Roma (86%) e Milano (81%).

Lavorare nel turismo

Per far fronte a questi numeri, e per accogliere al meglio i turisti, sempre più strutture del settore hospitality sono alla ricerca di personale qualificato anche se, molto spesso, si tratta di lavori stagionali. È opportuno ricordare che, questi ultimi, sono regolamentati dal CCNL turismo, ovvero, il “Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro nel settore del turismo”.

Chi volesse trovare lavoro nel turismo, non dovrebbe far altro che cercare on-line “offerte lavoro turismo” per rendersi conto di quante siano le possibilità occupazionali in questo settore, nonostante tutta una serie di criticità.

 

Nuovi lavori nel comparto turistico

Accanto alle ben note opportunità di lavoro presso strutture ricettive, come commis di sala o di cucina, chef o aiuto cuoco, cameriere, bagnino, animatore, ecc. è possibile anche impiegarsi in ruoli meno tradizionali. Per avere successo nel turismo 3.0 la parola d’ordine è creatività! Tra le “nuove professioni turismo“, quelle più di tendenza sono:

  • destination manager, il consulente a cui si affida la valorizzazione turistica di un territorio;
  • travel designer, colui che crea itinerari specifici in base alle indicazioni date;
  • guida esperienziale, ha il compito di coniugare il viaggio con le vostre passioni;
  • experience manager, organizza corsi di cucina coinvolgendo ristoranti o semplici artigiani;
  • guest relation manager, punto di riferimento dell’ospite per ogni esigenza;
  • experience hotel manager, per grandi catene de luxe propone servizi e attività su misura.

Insomma, per chi sogna un lavoro nel turismo le opportunità, certo, non mancano, basta solo cercare!