A me è successo: gli ospiti dell’evento formativo

a me è successo

Chi aspira al successo deve necessariamente sapere che questo è il frutto di una combinazione vincente tra competenze trasversali (soft skills) e doti innate, che non prescindono dall’impegno e dalla tenacia.

Spesso, infatti, ascoltando le storie delle persone che hanno successo, ci si rende conto che a prescindere dal contesto in cui si trovano, hanno non solo una forte fiducia in loro stessi, ma anche obiettivi chiari e definiti che permettono loro di affrontare gli ostacoli e perseverare davanti alle avversità.

Ci sono alcune storie in particolare che meritano di essere raccontate per capire come il successo ha rivoluzionato la vita di alcuni personaggi, ma soprattutto per analizzare il loro percorso e la loro ascesa.

Questo, tra gli altri, è l’obiettivo dell’evento formativo “A me è successo”, che  si terrà giovedì 30 novembre 2017, a Roma, presso l’Hotel Sheraton a Parco de’ Medici. Durante l’evento, infatti, saranno presentate le storie di 6 personaggi di successo da cui trarre ispirazione.

La giornata di formazione in aula è rivolta a manager, direttori commerciali, imprenditori, privati, account e a chiunque abbia voglia di approfondire le motivazioni e le abilità personali e sociali che conducono al successo. Tutto questo e molto altro verrà affrontato in questa giornata di formazione, il cui costo può essere finanziato attraverso le risorse a valere sui Fondi Interprofessionali.

Un evento formativo dedicato alle idee imprenditoriali di successo

L’evento “A me è successo” e si articolerà in un’unica giornata formativa ricca di spunti interessanti a partire dalle storie e dall’analisi dalle carriere di successo professionale di sei personaggi famosi coordinati dall’esperto formatore Vito Giacalone.

Motivazione, leadership, autostima, gestione emotiva e capacità di comunicazione sono le 5 competenze trasversali principali che costituiranno il fulcro dell’intera giornata e ne vedremo l’applicazione attraverso i sei personaggi protagonisti dell’evento:

  • Antonio Cabrini, simbolo del calcio italiano, ma anche emblema di motivazione e sacrificio;
  • Antonino Cannavacciuolo, chef stellato e personaggio televisivo;
  • Oscar Farinetti, patron di Eataly dalle molteplici passioni;
  • Irene Pivetti, è stata la più giovane Presidente della Camera dei Deputati,  oggi Presidente di Only Italia;
  • Carlo Verdone, regista e attore di fama internazionale;
  • Valentina Vezzali, schermitrice di successo, politico, poliziotta e mamma.

Cerchiamo di conoscerli meglio attraverso una loro breve biografia.

Antonio Cabrini, un grande fuoriclasse

Il nome di Antonio Cabrini è uno dei più famosi nel mondo calcistico.
Il Bell’Antonio, così chiamato per il suo aspetto affascinante, è stato uno dei più abili terzini del calcio italiano.
Ecco i suoi numeri:

  • 350+ partite in serie A;
  • 35 reti;
  • 15 stagioni;
  • 13 anni con la maglia della Juventus;
  • 9 reti in 73 partite giocate con la maglia della nazionale, di cui 10 volte con la fascia da capitano;
  • 1 volta campione del mondo nel 1982

Antonio Cabrini nasce a Cemona l’8 ottobre 1957, esordisce appena sedicenne nella Cremonese e viene notato dalla Juventus che lo acquista nel 1975. L’esordio nella nazionale italiana arriva nel 1978, in Argentina. Nel 1989 passa al Bologna e chiude la sua carriera nel 1991.

Antonio Cabrini è stato un terzino con propensione all’attacco e al gol, dotato anche di una solidità difensiva tale da renderlo uno dei calciatori più completi e più in gamba di tutti i tempi.

Antonino Cannavacciuolo, lo chef stellato

Un gigante dal cuore buono e dalle mani d’oro, con le quali cucina piatti degni dei numerosi premi che ha ricevuto nel corso della sua brillante carriera.

Antonino Cannavacciuolo nasce a Vico Equense, 16 aprile 1975 e frequenta l’istituto alberghiero dove insegnava suo padre (anch’egli cuoco). Dopo diversi stage in ristoranti francesi e al Grand Hotel Qusisana di Capri, Antonino viene assunto nel ristorante L’Approdo, sul Lago d’Orta, per una stagione di 3-4 mesi. Lì conosce Cinzia Primatesta, figlia dei proprietari, che diventerà sua moglie. Nel 1999, Cinzia e Antonino decidono di aprire insieme “Villa Crespi”, quando avevano solo rispettivamente 23 e 24 anni.

Nel 2003 Cannavacciuolo riceve la prima stella Michelin e nel 2006 gli viene conferita la seconda.

Nel 2013 inizia la sua ascesa come personaggio televisivo (Cucine da incubo, Masterchef Italia, ‘O mare mio). Nel frattempo non smette di curare la sua cucina, scrive diversi libri di ricette e apre una Academy di cucina che organizza veri e propri eventi formativi sulle tecniche imprenditoriali nell’ambito della ristorazione

Durante la sua carriera di chef è stato premiato con 2 stelle Michelin, 3 forchette della Guida Gambero Rosso e 3 cappelli della Guida de L’Espresso. Seguono altri riconoscimenti, tra cui il posizionamento tra i Foodie Top 100 Restaurants Europe nel 2013.

Oscar Farinetti, un arguto imprenditore

Oscar Farinetti, vero nome Natale Farinetti, nasce ad Alba il 24 settembre 1954 ed è un imprenditore e dirigente d’azienda italiano fondatore della catena Eataly ed ex proprietario della catena di grande distribuzione UniEuro.
Dopo aver frequentato il liceo classico e lasciato la facoltà di Economia e Commercio, decide di dedicarsi all’attività di famiglia avviata dal padre, l’allora supermercato Unieuro, facendolo diventare, in breve tempo, una grande catena di distribuzione specializzata in elettronica.
Nel 2003, Farinetti decide di vendere Unieuro e con il ricavato fonda l’anno dopo una nuova catena di distribuzione alimentare di eccellenza, la famosissima Eataly.
Oscar Farinetti è l’esempio di come reinventarsi costantemente ed avere sempre successo.

Irene Pivetti, una donna di successo

Irene Pivetti nasce a Milano il 4 aprile del 1963.
Si iscrive alla facoltà di lettere con indirizzo filosofico all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove si laurea con il massimo dei voti.
Si appassiona alla politica militando nelle associazioni cattoliche. Il suo avvicinamento alla Lega Nord inizia nei primi anni ’90. Dal 1990 al 1994 viene eletta responsabile della Consulta Cattolica del partito e dirige la rivista “Identità”. Il 15 aprile 1994  a soli 31 anni è eletta Presidente della Camera dei Deputati. Giornalista, consulente editoriale ed imprenditoriale. Dal 2011 Presidente di Only Italia, una piattaforma di servizi per l’internazionalizzazione, rivolta alle imprese italiane ed europee che intendono accedere ai mercati esteri, con particolare attenzione alla Cina e alla Via della Seta. Ha sviluppato nel tempo una vasta gamma di servizi, una importante rete di partnership, e soprattutto una presenza molto ramificata in Europa e nel territorio cinese. Ha due figli, è una donna dal carisma eccezionale.

Carlo Verdone, un attore poliedrico

Carlo Verdone nasce a Roma, il 17 novembre 1950.
Diplomato al liceo classico e in regia al Centro sperimentale di cinematografia di Roma, laureato in Lettere Moderne, Carlo Verdone ha iniziato la sua attività artistica con programmi televisivi altamente innovativi e cortometraggi.
All’inizio degli anni ‘80, Verdone inizia a cimentarsi nella regia e il suo debutto è davvero scoppiettante. Nel frattempo, non trascura la sua carriera di attore attraverso cui è capace di far vivere non solo personaggi, ma anche i temi comuni della società moderna: il cinismo, gli eccessi, la nevrosi, le ipocondrie di un mondo frenetico, sempre tenendo fede allo stile alto della sua commedia all’italiana che ne fa un regista e un interprete tra più amati dal pubblico.

Valentina Vezzali, l’icona delle schermitrici italiane

Valentina Vezzali, nome completo Maria Valentina, nasce a Jesi, il 14 febbraio 1974 ed è davvero una donna dalle mille sfaccettature: schermitrice, politica, poliziotta e mamma.
A soli 6 anni inizia a praticare scherma e a 15 miete già i primi successi, solo nella categoria under 20 si aggiudica diverse medaglie, ma è la partecipazione alle Olimpiadi che la consacra tra le più brave schermitrici di tutti i tempi.
Non solo. La Vezzali scende in politica nel 2013, come candidata alla Camera dei Deputati nelle liste di Scelta Civica per l’Italia, di cui diventa vicepresidente nazionale nel 2015.
Prima ancora di essere un’atleta e una politica Valentina Vezzali è mamma di due bambini e riveste la qualifica di sovrintendente della Polizia di Stato.

INFO PRATICHE SULL’EVENTO

L’appuntamento con le loro storie di successo è fissato al prossimo 30 Novembre. L’evento è dedicato ad aziende e privati. Le aziende potranno accedere al corso richiedendo il finanziamento della quota attraverso l’adesione a uno dei Fondi Interprofessionali di cui il nostro Ente di formazione è Ente accreditato. Per maggiori informazioni telefona al numero 800983887.

Etichette

ARTICOLI CORRELATI