Progetto Erasmus Plus, le novità del 2018

Erasmus-2018

Trovare lavoro all’estero è un ‘occasione che molti giovani non si lasciano sfuggire per mettersi in gioco e alla prova, ma anche per trovare la propria dimensione e professione. Lavorare all’estero è sicuramente gratificante e riesce ad aprire la mente, creando nuove possibilità e stimoli, che nella città di provenienza non sempre accade.

Si può scegliere di fare la valigia e partire ad occhi chiusi e cercare lavoro in un paese estero autonomamente oppure, in Italia, ci sono diverse occasioni che molti giovani neodiplomati e non, hanno intrapreso, come i programmi Erasmus Plus.

Molte scuole inoltre, hanno scelto negli ultimi anni di aderire al programma di mobilità per i propri studenti coinvolgendo anche il personale scolastico. Ad esempio, attraverso il Job Shadowing, il progetto Erasmus per gli insegnanti.

L’Erasmus è quindi uno dei programmi dell’Unione Europea che, negli anni, ha avuto maggior successo; prima del programma Erasmus, la formazione all’estero era una esclusiva prerogativa dei ceti più abbienti, sicuramente, quindi, non alla portata di tutti.

 

Bando Erasmus, le novità del 2018

Per il 2018, sono già pronti i nuovi Bandi Erasmus. Sono stati finanziati circa 2,7 miliardi di euro per progetti nei settori connessi all’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. Inoltre, secondo i dati forniti, la dotazione di quest’anno è aumentata di 200 milioni di euro rispetto al 2017, pari a un incremento dell’8%.

Tra le principali novità rispetto al 2017 ci sono ulteriori opportunità per gli studenti dell’istruzione superiore di svolgere tirocini volti ad acquisire competenze digitali nell’ambito di Erasmus+.

Una novità interessante è ErasmusPro, iniziativa nel contesto dei progetti di mobilità IFP, per potenziare la mobilità a lungo termine dei discenti dell’istruzione e della formazione professionale. Sempre tra le novità di questo nuovo anno c’è un nuovo formato di “partenariati di scambio tra scuole” nell’ambito dei partenariati strategici, per aiutare i centri scolastici a orientarsi meglio tra i progetti di cooperazione. Infine, le norme di finanziamento sono state perfezionate per la maggior parte delle azioni.

 

Un’opportunità per trovare lavoro all’estero

L’esperienza di mobilità transnazionale per i giovani promossa da Erasmus plus è preziosa per agevolare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Più del 90% degli studenti che hanno partecipato al progetto Erasmus Plus ha dichiarato di considerare naturale muoversi all’estero per lavoro. Secondo uno studio, infatti, uno studente su tre è stato assunto proprio nell’azienda in cui ha fatto esperienza. Addirittura 1 su 10 ha avviato una propria attività. Mentre un terzo degli ex Erasmus sembra avere un partner di nazionalità differente rispetto alla propria, e che una percentuale di poco inferiore abbia incontrato la propria anima gemella proprio durante un’esperienza Erasmus.

Gli studenti, sono felici di affrontare il programma Erasmus, perché riesce a creare possibilità e opportunità che, autonomamente, non ci sono. Si entra in una scuola, o università, si lavora all’interno di un albergo, azienda, o a seconda del campo di appartenenza. Si conoscono nuove persone e si arricchisce il bagaglio culturale e professionale.

Etichette

ARTICOLI CORRELATI