Il progetto Garanzia Giovani e le sue finalità occupazionali

Garanzia giovani

Il progetto Garanzia Giovani nasce nel 2014 da un’iniziativa europea per combattere l’inoccupazione dei giovani compresi tra i 15 e i 29 anni.

Sin dal suo esordio, Garanzia Giovani ha dimostrato di essere un programma interessante, che è opportuno portare a conoscenza delle aziende e dei giovani, per consentire a chi non è occupato in attività lavorative, studio o formazione, di trovare una collocazione nel mondo del lavoro.

Il programma Garanzia Giovani si propone dunque la nobile mission di offrire formazione e lavoro ai giovani NEETNEET è l’acronimo di Not in Education, Employment or Training ed è stato coniato per identificare tutti i giovani che non sono impegnati in attività di studio, lavoro o formazione, proprio il target di Garanzia Giovani.
Secondo studi recenti, i NEET in Italia sono oltre due milioni, ragazzi attualmente fuori dalla scuola e senza alcun impegno lavorativo.

Vediamo nel dettaglio cos’è, a chi si rivolge e come funziona il progetto Garanzia Giovani per chiarire meglio le opportunità offerte da questo strumento.

Che cos’è Garanzia Giovani

Abbiamo già in parte risposto. Il progetto Garanzia Giovani di iniziativa europea è uno strumento finanziato dall’Europa e cofinanziato dalle regioni italiane, pensato per risolvere la crisi dell’inoccupazione dei giovani, soprattutto in quei paesi dove i tassi di disoccupazione superano il 25%.
Non solo l’Europa, ma anche l’Inps svolge un ruolo attivo nelle fasi di sostegno in caso di contratti di lavoro e di tirocinio.

Il progetto Garanzia Giovani si svolge con una programmazione da realizzare in un arco temporale che va dal 2014 al 2020 e i vantaggi per i giovani e per le aziende sono evidenti.

I ragazzi che decidono di aderire al progetto Garanzia Giovani possono avvalersi di tirocini, contratti di lavoro (tempo determinato o indeterminato) o apprendistato, nonché di percorsi di formazione e sostegno nel caso vogliano avviare un’attività imprenditoriale.
Anche il servizio civile rientra tra le possibilità per aderire a Garanzia Giovani.

Programmi, servizi informativi, percorsi personalizzati, tutte le iniziative sono utili a valorizzare le attitudini e il background formativo di ciascuno dei giovani che decide di aderire al programma.

Assumere una persona con il progetto Garanzia Giovani è un vantaggio anche per l’impresa, non solo dal punto di vista economico, perché sono previste sostanziali diminuzioni del costo del lavoro per specifiche tipologie contrattuali, ma anche da punto di vista professionale perché ha la possibilità di inserire e formare giovani che sicuramente daranno valore aggiunto all’attività d’impresa.

Come aderire al progetto Garanzia Giovani

Per aderire al progetto Garanzia Giovani, occorre registrarsi sul portale generale di Garanzia Giovani, nella sezione Aderisci oppure attraverso i singoli portali regionali.

Dopo aver compilato i moduli con le proprie informazioni personali, il sistema invia una mail all’indirizzo indicato in fase di registrazione con le credenziali che vi consentiranno di accedere all’area personale.

Nella vostra area personale, potrete selezionare una o più Regioni nelle quali si vorrebbe usufruire delle opportunità del progetto Garanzia Giovani e i servizi personalizzati che il programma mette a disposizione.

Entro 60 giorni, un referente regionale vi comunicherà dove recarvi per il primo colloquio conoscitivo e di orientamento sulle opportunità da seguire e i percorsi da intraprendere. Per farvi un’idea di quale sportello è più vicino alla sede da voi scelta, potete utilizzare l’applicazione Trova sportello, fermo restando che potete in ogni caso rivolgervi agli sportelli del vostro paese per richiedere informazioni.

Puoi trovare maggiori informazioni anche sulle pagine Garanzia Giovani Campania per i giovani residenti in un comune campano, e sulla pagina Garanzia Over, per i giovani con più di 30 anni e in stato di disoccupazione.

Etichette

ARTICOLI CORRELATI