Chi è il Project manager, cosa fa e quale ruolo ha nel PMO

News-Sito_Project-Management-Office

Entriamo nel cuore delle imprese parlandovi dei differenti ruoli aziendaliIn particolare, in questo nuovo appuntamento con gli approfondimenti sul mondo del lavoro, ci occuperemo della progettazione aziendale spiegando chi è e di cosa si occupa un Project Manager.

Per parlarvi di questo argomento, ci siamo ispirati al nostro responsabile dell’area IT, Antonio Trezza, che ricopre il ruolo di Project Manager all’interno dell’azienda ed ha scritto diversi articoli su questo argomento, non ultimo un interessante approfondimento sul PMO – Project management Office, pubblicato sul suo canale Pulse di Linkedin. Le nuove tecnologie e i social network oltre ad essere un canale di ricerca lavoro avanzato, sono anche un ottimo metodo per veicolare informazioni utili a chi cerca lavoro nel settore della progettazione aziendale e vorrebbe saperne di più.

Chi decide di diventare project manager all’interno di un’azienda, infatti, sta scegliendo un ruolo non sempre facile perché si tratta di gestire attività complesse assumendosi anche molte responsabilità. Ma entriamo nel vivo dell’argomento rispondendo ad alcuni quesiti che spesso, i candidati, pongono alla nostra Agenzia del Lavoro.

In cosa consiste la progettazione aziendale

La maggior parte delle aziende italiane possiede un’area dedicata alla progettazione aziendale, soprattutto in alcuni settori merceologici che basano gran parte del proprio business proprio sulla gestione di progetti complessi e innovativi.

Chi lavora all’interno di un ufficio progettazione si occupa della redazione, pianificazione e monitoraggio dei progetti che impattano sugli obiettivi di business a medio e lungo termine. Queste attività non vengono svolte autonomamente da ciascuna risorsa, ma sotto l’occhio attento e vigile di un project manager che gestisce tutte le attività ed è appunto responsabile del risultato finale. 

Cosa fa un Project manager

I progetti aziendali possono essere differenti tra loro in termini di aspettativa, durata, complessità e risorse coinvolte. Per questa ragione è necessaria la figura del Project Manager, cioè colui o colei che gestisce tutte le fasi di un progetto: avvio, pianificazione, esecuzione, monitoraggio e chiusura. 

Il ruolo del project manager quindi, prevede oltre che competenze tecniche anche capacità personali, competenze trasversali e soft skills legate al team building e alla gestione del team di lavoro. Il PM riveste infatti il ruolo del leader, colui che deve portare il gruppo a conseguire il risultato, valutando come ottimizzare al meglio le risorse a propria disposizione.

Il Project Manager, inoltre, svolge un ruolo fondamentale di collante con il PMO – Project Management Office. 

Cos’è il PMO

PMO è l’acronimo di Project Management Office. All’interno delle aziende il PMO si occupa di analizzare l’andamento dei progetti aziendali, classificandoli opportunamente per valutarne il rendimento. E’ deputato inoltre alla verifica dell’allineamento strategico, al monitoraggio dei progressi ed al miglioramento della governance aziendale. I progetti oggetto di classificazione possono essere in linea di massima di tre tipi:

  • Progetti trasformazionali: che impattano il business nel tempo;
  • Progetti di crescita: che contribuiscono alla crescita del business in tempi brevi;
  • Progetti fondamentali: che contribuiscono al miglioramento dei processi aziendali.

Il ruolo del Project manager all’interno del PMO è proprio quello di comunicare lo stato di avanzamento dei progetti gestiti, il livello di completamento delle attività pianificate, l’allocazione ed il rendimento del team di progetto. In poche parole il PMO si occupa della strategia aziendale da adottare affinché venga garantita la crescita aziendale nel breve periodo, il mantenimento degli standard qualitativi nella progettazione aziendale ed il miglioramento continuo dei processi interni.

Per chi cerca lavoro nel settore della progettazione aziendale è utile sapere che è fondamentale frequentare cosri di formazione mirati, svolgere stage e tirocini in azienda ma soprattutto coltivare capacità personali e caratteriali basilari: gestione dello stress, gestione del team, condivisione della visione e della mission aziendali, capacità di lavorare per obiettivi e naturalmente capacità di lavorare in team!

Etichette

ARTICOLI CORRELATI